Recensione – Jeans Tecnici di Sicurezza – la Proposta OJ -Atmosfere MEtropolitane

Recensione – Jeans Tecnici di Sicurezza – la Proposta OJ -Atmosfere MEtropolitane


Parlando Di Abbigliamento tecnico di sicurezza, per introdurre l’oggetto di questa recensione, è d’obbligo una bella premessa generale;

Parlando di abbigliamento tecnico di sicurezza, un dato inconfutabile da rilevare è come l’evoluzione dei materiali e delle tecnologie costruttive , sia andata di pari passo con una sempre maggiore coscienza, da parte dei motociclisti, dei pericoli innegabili della pratica degli sport motoristici su due ruote, e di conseguenza della sempre maggior presa di coscienza dei rischi e della necessità di sentirsi protetti….

Sono lontanissimi, o per lo meno appaiono lontanissimi, i tempi in cui i top rider mondiali, impegnati nelle massime categorie, calcavano l’asfalto degli autodromi di tutto il mondo, indossando morbidi pannii, e coprendosi la testa con quello che a chiamarlo “casco” si sfocerebbe nel ridicolo: poco piu che una scodella rovesciata, ad accompagnare un bel paio di occhiaoloni di cuoio come unico riparo per il viso

James FosterJames Foster

Del Resto Nessuno si scandalizzava piu di tanto: Le Tecnologie costruttive, e sui materiali,  non permettevano di dotarsi di un abbigliamento che fosse adeguato al contesto della pratica del motociclismo, anche in ambienti agonistici: Per cui nessuno ci pensava piu di tanto.

Immagini come quella sopra riportata sembrano uscite da una raccolta di cartoni animati, se le accostiamo a una qualsiasi tra le migliaia di immagini che tutti conosciamo, e relative a qualsaisi competizione motoristica sulle due ruote, di qualsiasi categoria e a qualsiasi livello: stiamo ragigiungendo livelli impensabili fino a pochi anni fa: fibre antiabrasione in misto kevlar, tessuti nanotecnologici idrorepellenti, sistemi di airbag integrati con sensori giroscopici e accelerometri…..forse la tecnologia dell’abbigliamento protettivo  è uno dei settori che hanno a che fare con il motociclismo che ha compiuto i balzi maggiori..
abbigliamento-moto

Se Però Alcuni categorie di motocilcisti hanno abbracciato questa nuova filosofia, che costringe se stessi ad “inscatolarsi” nel nome della sicurezza, altre hanno sempre visto in questo tipo di abbigliamento null’altro che una limitazione alla propria liberta di vivere il proprio mezzo, senza nessun vincolo.

Sicuramente della prima categoria fanno parte la maggioranza di motociclisti sportivi. Per costoro lo stesso abbigliamento è diventato una sorta di marchio di fabbrica, un segno identificativo da mostrare orgogliosamente agli amici, anche seduti alla domenica, nella veranda del bar lungo-lago di turno.  Alcuni di essi, (ehmm…….cazzo, mentre lo sto scrivendo mi rendo conto che forse ne faccio un po parte pure io! :D) sono addirittura affezionati alle “cicatrici” presenti sulla propia tuta di pelle, magari ricordo di quella scivolata in uscita Ascari, quando ci si è rotolati talmente a lungo sull’asfalto che in quei momenti sembrava di aver scoperto il moto perpetuo… (ogni VELATO riferimenti a FATTI o PERSONE realmente esistenti ….NON è CASUALE! 😀 ), perchè quelle stesse cicatrici, fatte di virgole nere di asfalto, raccontano la propria storia di “smanettone”…..

Certo,  capi del genere hanno innegabili pregi, ma anche grossi difetti: non è esattamente comodo andare ad acquistare il pane e il latte, indossando 12 kili di tuta di pelle, inserti in titanio, saponette al magnesio, e muovendosi dentro un supermercato con la grazia di  Gig Robot d’acciaio….

Dall’altro lato della scala troviamo sicuramente tutta la famiglia di Customisti, Chopperisti, e Cafè Racer, che sull’onda del mito americano di un “certo” stile di motociclismo,  non vogliano avere addosso alcun che che possa in qualche modo farli sentire imbrigliati in regole  (ovviamente parlo in linea generale, sia chiaro,  esistono tantissimi motociclisti di questa categoria che spendono una fortuna nel dotarsi di tutte le dotazioni tecniche possibili e immaginabili……anzi, magair spendendo ancora di piu, visto che “lo stile” è per loro fondamentale)

chopperisti

Nel mezzo troviamo una grossissima fetta di motociclisti, tipicamente definibili come “mototuristi” (chi a lungo, chi a medio, chi a corto raggio) che vedono nell’abbigliamento un grossissimo alleato , irrinunciabile per poter garantire a se stessi elevati standard di sicurezza passiva, senza che pero tale abbigliamento debba diventare un motivo di particolare orgoglio, senza quindi la nasrcisitica tendenza di volerlo esibire in ogni dove: diciamo che  in questo caso la FUNZIONALITà è l’unico fattore detemrinante, nella scelta della propria “buccia”

Per soddisfare le esigenze di una platea cosi eterogenea, quindi, le case di settore, hanno cominciato ad inventarsi dei capi che potessero soddisfare le esigenze di funzionalità tipiche di un capo tecnico, con la discrezione e la comodità necessarie a non trasformare tale capo in una sorta di gabbia,  mantenendo al tempo stesso un certo grado di stile e di riconoscibilità…..il tutto racchiuso in una forma Casual, adatta anche a una portabilità quotidiana.

E cosa c’è di piu Casual di un bel paio di Jeans?

Oggi vi presentiamo la recensione dei Jeans OJ “muscle black” Collezione 2015

Image00024

Si tratta di un Jeans, in classico tessuto Denim, disponibile sia nelle versioni Nere che Blue, dotato di una membrana in fibra mista kevlar-aramidica anti abrasione pensata per resistere alle cadute, con annesse lunghe strisciate sull’asfalto

_DSC9863

Image00012

Diversamente dai competitor, OJ ha optato per inserire questo tipo di membrana , oltre che su tutta la zona dei fianchi e delle natiche, anche lunga la linea esterna delle cosce, la zona delle gambe notoriamente piu esposta, in caso di caduta, fino ad arrivare  alle ginocchia, ove sono posizionate le protezioni omologate CE, (livello 1) in apposite tasche

Image00013

Image00033

Parlando sempre di protezioni, questo sono dotate di velcro, che permette un posizionamente stabile all’interno della tasca, per allontanare il rischio, in caos di caduta, la protezione possa muoversi , perdendo cosi di efficacia. Purtroppo, al momento di consegna dal capo, non erano disponibili protezioni di livello 2, il livello di maggior sicurezza per i capi protettivi, e questo è, secondo noi, una piccola mancanza. Tuttavia Abbiamo ricevuto da OJ informazioni in merito a una imminente introduzione, nella linea, di un upgrade nel libello di protezione

 

Image00018

  *Protezioni estratte di proposito dalle loro tasche a scopo dimostrativo

Anche cosi, comunque, da qualche prova effettuata (non esattamente scientifica…….ehmmm….diciamo saltando  più in alto possibile, e atterrando sul pavimento di marmo….. di ginocchia :D) la protezione contro gli urti ci è sembrata rassicurante (non abbiamo raccolto nessuna rotula con il cucchiaino.. ) …… e visto che non siamo ancora cosi pazzi da sdraiarci di proposito, giusto “per provare OJ” , diciamo che va bene cosi 😀

La qualità del tessuto ci è parsa piuttosto buona: si tratta, come dicevo, di tessuto Denim , a trama grossa, dotato di robuste cuciture, e un curato e piacevole disegno, che cofnerisce molta personalità al capo.  Non altrettanto possiamo dire in merito al livello di finitura dei dettagli , un campo su cui, a nostor modo di veder,e OJ poteva dare di più…
Image00007

Image00027

Image00032

*Dettagli orlo interno gamba

I marchi OJ sono presenti sulla tasca posteriore, sulla parte superiore della coscia sinistra, e sulla zona passa-fibia

Image00002

Image00003

Image00006

A Livello di protezioni, sono inoltre presenti due protezioni ai fianchi, sempre omologate CE di livello 1, sempre asportabili, e comodamente inseribili, anche a capo indossato. Come per le ginocchia abbiamo provato a testare l’efficacia di tali protezione, sempre, ovviamente, in modo del tutto creativo e poco ortodosso (Mp3 dei Sepoltura in cuffia,  e ho personalmente cominciato a pogare lanciandomi in salto contro una colonna di cemento, come se non ci fosse un domani) ……e devo dire che tali protezioni si sono rivelate un pelo meno efficaci: nessun livido comparso, ma le botte si sentivano…..

Tuttavia, e a onor del vero, c’è da dire che in questo caso non era possibile, per una questione di vestibilità, adottare delle protezioni dallo spessore troppo elevato, perchè ne sarebbe uscito un capo brutto e scomodo….E facendo un bilancio possiamo dire che il risultaot puo essere considerato un buon compromesso

Image00019

Image00010
Image00022
*Protezioni estratte di proposito dalle loro tasche a scopo dimostrativo

A differenza di alcuni competitor, Spidi in primis, OJ ha optato per un capo molto fresco ed utilizzabile anche in piena estate, rinunciando a trattamenti superficiali antivento  sul tessuto esterno,  conservando così un alto grado di traspirabilità: Se questo porta innegabili disagi, nel caso di basse temperature, permette un maggior piacere nell’esperienza d’uso, durante la bella stagioni e con alte temperature esterne

POSIZIONAMENTO DI PREZZO

Il Muscle di OJ è un capo dall’alto contenuto tecnologico, e il suo posiizonamento lo colloca sicuramente tra gli articoli alto di gamma e non tra i prodotti economici. Acquistandolo online è possibile spuntare i prezzi migliori, rispetto ai dealer tradizionali:  Su ebay, i prezzi (salvo offerte) si collocano tra i 160 e i 190 euro.

CONSIDERAZIONI FINALI

OJ, con questo capo, che va ad ampliare e a rinnovare la gamma di jeans tecnici pensati per i motociclisti, offre un buon prodotto, dalla buona qualità, forse un pochino grezzo nella finitura, ma comunque molto valido, sia esteticamente che funzionalmente. Avremmo preferito trovare delle protezioni di livello 2, in dotazione assieme al capo, visto che ormai sta diventando lo standard, per abbigliamento di alta gamma; tuttavia, il loro lavoro di tutela passiva della incolumità  lo fanno egregiamente, conservando un appeal aggressivo e di tendenza, e manentendo una grande versatilità  anche al di fuori dell’utilizzo per il quale sono stati studiati.

Prima di darvi un quadro riassuntivo, comunuq,e gustatevi questo video :D….fortunatamente sono riuscito a non “testarli” sul serio 😀


YES:
Stile, qualità del tessuto, buon grado di protezione

NO:
Finiture sui dettagli, Livello omologazione solo (1)  (non in linea con la maggior parte della concorrenza)

NI:
Protezione da impatti laterali migliorabile,  ma gistificata da esigenze di progettazione

OVERALL:
8/10 -> CONSIGLIATI PER L’ACQUISTO

2 commenti

  1. Avatar

    Comprati oggi…avrei preferito anch’io le protezioni 2 comunque a mio avviso il rapporto qualità prezzo mi sembra corretto…offrendo protezioni ai fianchi che non tutti offrono…soddisfatto…sperando di non doverli mai testare

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata.I campi richiesti sono segnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.